Ficha Corrida

26/03/2012

Neofascistas, mais uma herança de Berlusconi

Filed under: Direita,Itália,Neofascismo,Silvio Berlusconi — Gilmar Crestani @ 8:38 am

 

Fascisti del Terzo millennio e necessari anticorpi

La sede neofascista, un tempo missina, nel quartiere popolare urbano o nel paese dall’elettorato rosso è stata una caratteristica di cui si vantava il gruppo storico degli ex saloini che lanciarono nel 1946, complice l’amnistia Togliatti, il Movimento Sociale Italiano: Almirante, Romualdi, Michelini, Rauti. Mettere l’insegna della fiamma, la bacheca del Secolo d’Italia, vergare scritte in vernice nera inneggianti al Duce e alla Repubblica Sociale, affiggere una quantità spropositata di materiale propagandistico frutto di evidenti, lauti finanziamenti ha rappresentato un’attività incessante per tutti gli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta.

Seguivano comizi dei vari caporioni e pestaggi opera di attivisti smaniosi di rinverdire fasti squadristi senza olio di ricino ma con randelli in mano e qualche pistola neppure tanto celata. Roma, medaglia d’oro della Resistenza ma anche città storica del regime, aveva e ha quartieri dal cuore nero per tradizione, ceto sociale, elettorato. Un humus transitato dopo la Liberazione nel grande contenitore del conservatorismo moderato democristiano ma pronto all’andirivieni di voti e politici votati alla nostalgia del saluto romano. Eppure la presenza sul territorio cittadino delle sedi del Msi e dei gruppi di pseudo contestazione e reale fiancheggiamento (tipo Avanguardia Nazionale e Ordine Nuovo per citarne i più tragicamente noti) seguivano una mappatura che faceva i conti col contesto in cui il luogo simbolo si trovava.

JPEG - 66.9 Kb

Mentre ai Parioli (piazza Ungheria), Prati (via Ottaviano), Balduina (via delle Medaglie d’Oro) le sedi missine erano una presenza scontata per gli stessi antifascisti che constatavano come lì l’attivismo nostalgico avesse una relazione con una parte degli abitanti elettori e sostenitori, in varie zone popolari della città quella presenza era esclusivamente simbolica. Prendiamo la fascia est-sud compresa fra le consolari Tiburtina, Prenestina, Casilina, Tuscolana, Appia dalle mura aureliane fin verso il raccordo anulare. Alcune zone mostravano sedi missine attivissime: via Etruria, via Noto e successivamente Acca Larentia, nel quartiere di piccola e media borghesia dell’Appio-Tuscolano. Oppure via Gattamelata al Prenestino. Lì si esercitavano al pestaggio soggetti saliti alla ribalta degli intrighi nazionali (Delle Chiaie) e dell’intrallazzo politico (Gramazio e Storace), rimasti al palo (D’Addio), caduti nel dimenticatoio (Tebaldi guardiaspalle di Almirante), passati a miglior vita (Mancia). Nell’area di San Lorenzo il mito degli Arditi del Popolo e la militanza antifascista, prima del Pci poi dei molti gruppi extraparlamentari non hanno mai concesso spazi a presenze pur simboliche, come mai sedi missine si son viste nei chilometri seguenti a Casalbruciato, Santa Maria del Soccorso, Pietralata, Ponte Mammolo, San Basilio. Né al Quadraro, Pigneto, Villa Gordiani, Quarticciolo, Alessandrino. Un ritrovo neofascista al Tiburtino (via Govean) era punto di sedute carbonare, come in via delle Ninfee a Centocelle e in via Rovetti a Torpignattara.

Fascisti del Terzo millennio e necessari anticorpi – AgoraVox Italia

Deixe um comentário »

Nenhum comentário ainda.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair /  Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair /  Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair /  Alterar )

Conectando a %s

Crie um website ou blog gratuito no WordPress.com.

%d blogueiros gostam disto: